Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche

Corso di studio

Presentazione del corso

Presidente: Prof. Corrado Caudek

Tutor: Berardi Nicoletta, Caudek Corrado, Del Viva Maria Michela, Primi Caterina, Piazzoli Andrea, Tatone Michele, Vacondio Martina, Vezio Gaspare

Rappresentanti degli studenti: Piazzoli Andrea - Tatone Michele - Vacondio Martina - Vezio Gaspare

 

 

Obiettivi formativi

Il percorso formativo del Corso di Laurea mira alla formazione di laureati con competenze nell’ambito delle scienze e tecniche di Psicologia e, in particolare, nei principali ambiti di studio, ricerca e intervento previsti in psicologia che riguardano la psicologia generale e sperimentale, la psicologia dello sviluppo e dell’educazione, la psicologia sociale e del lavoro, la psicologia clinica e della salute.
Gli obiettivi formativi includono l'acquisizione di conoscenze sistematiche e aggiornate sui processi biopsicologici, cognitivi, emozionali, sociali, nonché competenze teorico-operative relative ai metodi e alle tecniche di indagine psicologica. I laureati nel corso di laurea dovranno possedere preparazione, competenze e capacità concernenti gli aspetti che seguono.
- Conoscenze di base e caratterizzanti in tutti i settori delle discipline psicologiche; in particolare, attraverso la diversificazione delle attività caratterizzanti nei curricula, il laureato potrà acquisire le conoscenze e le competenze specifiche in uno dei quattro ambiti di studio sopra menzionati.
- Adeguate conoscenze dei metodi e delle procedure di indagine scientifica in psicologia.
- Conoscenze interdisciplinari utili a completare la formazione psicologica.
- Competenze ed esperienze applicative in ambito psicologico, per quanto attiene sia ai servizi rivolti a individui, gruppi e comunità sia ad attività nei contesti sociali, organizzativi e del lavoro.
- Competenze e strumenti per la gestione dell'informazione.
- Abilità intermedie per l'utilizzo in forma scritta e orale della lingua inglese nell'ambito specifico di competenza della psicologia.
Dovranno, inoltre, sviluppare le capacità di apprendimento necessarie per intraprendere studi successivi in psicologia.

A tal fine gli studenti seguiranno sia corsi teorici, di formazione di abilità, di metodologia in ambito di base e caratterizzante nelle aree consolidate di studio, ricerca e intervento nell'ambito della psicologia, sia corsi teorici in campi non psicologici rilevanti per lo studio della psicologia.
Il corso è organizzato in curricula nelle aree principali della ricerca e dell'intervento in psicologia, i quali condividono una solida formazione di base, interdisciplinare, affine e caratterizzante.

 

Profili professionali

Il laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche, previa iscrizione alla sezione B dell'Albo Professionale degli Psicologi, può svolgere (sotto la supervisione di uno psicologo iscritto alla sezione A dellalbo) la professione di Dottore in tecniche psicologiche nei termini previsti dalla legge (DPR 328/01 e L 170/03), ovvero nel settore delle tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro e nel settore delle tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità.

Può svolgere tali attività professionali in strutture pubbliche e private, in istituzioni educative, in imprese e organizzazioni del terzo settore. Può lavorare come dipendente o libero professionista. Il profilo professionale dei laureati nel corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche consente di operare in entrambi i settori definiti dalla legge. Nel complesso si individuano le seguenti articolazioni del profilo professionale:

  • P1.Tecnico esperto nei processi cognitivi e nella loro valutazione, nelle relative basi neurali e nella loro plasticità;
  • P2.Tecnico esperto nei processi sociali, di comunità, organizzativi e del lavoro in contesti diversi;
  • P3. Tecnico esperto nei processi evolutivi, tipici e atipici, in contesti diversi;
  • P4 Tecnico esperto in psicologia clinica e della salute in contesti diversi.

La preparazione del laureato in Scienze e tecniche psicologiche della Scuola di Psicologia di consente l'iscrizione senza debiti alla Laurea magistrale in Psicologia attiva presso la sede di Firenze.

Principali funzioni della figura professionale, esercitabili dopo l'abilitazione e l'iscrizione all'Albo.

  • P1. collaborazione alla progettazione, attuazione e valutazione di interventi psicologici volti a valutare, abilitare o riabilitare i processi cognitivi.
  • P2. collaborazione alla progettazione, attuazione e valutazione di interventi psicologici preventivi, abilitativi e riabilitativi rivolti al singolo e a gruppi, in contesti sociali, di comunità, organizzativi e del lavoro.
  • P3. collaborazione alla progettazione, attuazione e valutazione di interventi psicologici preventivi, abilitativi e riabilitativi, rivolti al singolo o a gruppi, in psicologia dello sviluppo e delleducazione, in situazioni di sviluppo tipico e atipico.
  • P4. collaborazione alla progettazione, attuazione e valutazione di interventi psicologici abilitativi, preventivi e riabilitativi, rivolti al singolo e a gruppi, in psicologia clinica e della salute.


Requisiti di ingresso

Per l'ammissione al corso di laurea occorre essere in possesso del diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio equipollente conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
E' richiesta una adeguata preparazione, in particolare, nelle seguenti aree:
a) lingua italiana: buona padronanza, sotto il profilo della correttezza, della comprensione e della espressione;
b) biologia, chimica e fisica: conoscenze di base;
c) matematica: conoscenze di base e padronanza di ragionamento logico astratto;
d) lingua inglese: conoscenze che consentano la comprensione di un testo di tipo scolastico o di divulgazione scientifica;
e) cultura generale: padronanza dei riferimenti all'attualità storico-politica, elementi di pensiero filosofico, elementi di pensiero economico.
Ai fini dell'accesso sono previste verifiche dell'adeguatezza della preparazione iniziale, mediante specifica prova scritta, costruita e applicata seguendo rigorosi criteri docimologici e psicometrici, nel rispetto della trasparenza delle operazioni e dell'obiettività del processo. Tali verifiche possono consentire la valutazione del tipo e del livello delle conoscenze possedute, la definizione degli eventuali obblighi formativi aggiuntivi, indirizzando verso opportuni interventi di recupero, nonché attività di orientamento.
Il test di ammissione è obbligatorio, le modalità con cui colmare eventuali carenze formative sono disciplinate nel bando di ammissione al corso di laurea.
Ai fini dell'ammissione verrà definita una graduatoria sulla base del risultato della prova scritta, di cui al precedente comma 3, e del voto conseguito all'esame di maturità. Il peso della prova scritta e del voto di maturità ai fini della formazione della graduatoria di cui sopra sarà stabilito annualmente con apposita delibera del Consiglio di Facoltà nella quale si determina la programmazione annuale degli accessi, nonché sarà indicato nell’apposito bando annuale di ammissione.
Il numero degli iscritti è annualmente commisurato in base alle risorse formative disponibili, su proposta del Consiglio di Corso di Laurea, con delibera degli organi accademici.


Articolazione del CdL

1. La durata normale del Corso di Laurea è di 3 anni. L’attività normale dello studente corrisponde al
conseguimento di 180 crediti formativi universitari nei tre anni, suddivisi in circa 60 all’anno. Lo studente
che abbia comunque maturato 180 crediti, adempiendo a tutto quanto previsto dalla normativa
vigente, può conseguire il titolo anche prima della scadenza triennale.
2. Il Corso di Laurea prevede una base formativa comune in tutti i settori disciplinari psicologici
e in settori affini, cui vengono destinati 138 CFU, nonché un’articolazione nei seguenti quattro curricula:
- Scienze e tecniche di Psicologia clinica e della salute;
- Scienze e tecniche di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione;
- Scienze e tecniche di Psicologia sociale, del lavoro e delle organizzazioni;
- Scienze e tecniche di Psicologia dei processi cognitivi.
3. Il Manifesto degli studi indicherà ogni anno gli insegnamenti attivati e la suddivisione degli
stessi fra i vari anni di corso.

 

Articolazione insegnamenti

Le attività didattiche si svolgono con lezioni, esercitazioni di laboratori, seminari specialistici secondo un’articolazione in due semestri compatti, il cui calendario è definito annualmente dalla Facoltà.


Modalità di frequenza

La frequenza per le lezioni in aula non è obbligatoria. Tuttavia la partecipazione alle attività didattiche (lezioni, esercitazioni, seminari, ecc.) è vivamente raccomandata. 


Attività formative

L'attività formativa prevede lezioni frontali, attività seminariali, ricerche propedeutiche e laboratori al fine di acquisire conoscenze, competenze e abilità capaci di aprire al mondo del lavoro.


Esami di profitto

La verifica del profitto individuale raggiunto dallo studente per il conseguente riconoscimento dei crediti maturati nelle varie attività formative può essere scritta e/o orale e/o pratica.
Gli esami vengono sostenuti al termine del corso e consentono, se superati, di acquisire in un’unica soluzione il numero di CFU previsti dal piano degli studi.
Gli esami potranno essere sostenuti con gli accorpamenti già previsti nel Regolamento. Il piano di studi non può comunque prevedere in totale più di 20 esami di profitto.
La votazione è espressa in trentesimi. L’esame si intende superato con votazione minima di 18/30; qualora il candidato abbia ottenuto il massimo dei voti può essere fatta all’unanimità della commissione menzione della lode. La verifica delle competenze raggiunte dallo studente nelle attività formative volte ad acquisire conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro sarà effettuata in forma scritta e/o orale e/o pratica. La valutazione sarà espressa attraverso un giudizio di idoneità.

La prova di lingua inglese prevede la valutazione della conoscenza della lingua a livello intermedio (B1) e del lessico specialistico psicologico. La valutazione è espressa attraverso un giudizio di idoneità.

 

Prova finale di laurea

La prova finale per il conseguimento della laurea, alla quale sono riservati 5 CFU, consiste in un colloquio avente ad oggetto un elaborato scritto/grafico/scritto-grafico, predisposto dallo studente con un docente referente detto relatore; l'elaborato riguarderà un argomento specifico in un ambito caratterizzante del Corso di laurea e concorrerà all'accertamento delle competenze
acquisite.
Per accedere alla prova finale occorre avere acquisito tutti i crediti attribuiti alle attività formative previste dal piano degli studi. Per la prova finale la media sarà ponderata sui crediti acquisiti e l'approssimazione sarà per eccesso. La votazione finale di laurea è espressa in centodecimi, con eventuale menzione all'unanimità della lode; il punteggio minimo per il conseguimento del titolo è 66/110.
Si terrà conto dei tempi del conseguimento del titolo oltre che del curriculum dello studente nella valutazione finale.


Accesso a studi successivi

I crediti acquisiti nel triennio potranno essere integralmente riconosciuti per l'accesso ai Corsi di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e della Salute e Neuropsicologia e in Psicologia del Ciclo di Vita e dei Contesti (Classe LM-51), attivati presso l'Università degli Studi di Firenze.

 
ultimo aggiornamento: 09-Lug-2015
UniFI Scuola di Psicologia Home Page

Inizio pagina